L'essenziale - BrunoBarbieri.eu
1944
post-template-default,single,single-post,postid-1944,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive
essenziale

L’essenziale

Questo è il post che non ho mai scritto. E non so se mai lo farò.

L’essenziale è per me una condizione necessario per sentirsi bene, senza scomodare altre parole come felicità. Durante la nostra crescita, siamo abituati a passare gran parte del tempo riempiendo degli spazi, poi – ad un certo punto – il vaso è pieno e capiamo che è ora di iniziare a togliere. Arrivare all’essenziale rimane un lungo e doloroso processo, come quello di uno scultore che togliendo pezzi al blocco di marmo svela l’opera d’arte che c’era già, nascosta in mezzo a tanti altri frammenti di pietra.

No Comments

Post A Comment