Bruno Barbieri - Chi sono - brunobarbieri.eu
5
page-template-default,page,page-id-5,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

Digital strategist, in pratica: aiuto a portare valore, con il digitale.

E lo faccio dal 2000, quando il web non era tutto questo.

La mia storia, se ti interessa
bruno-barbieri
Ho scoperto la programmazione durante la tesi di Laurea in Fisica, all’epoca il pc si usava solo per fare i conti. All’università smanettavo con la Sun Solaris, per casa decisi di comprare un mac LC630 perchè il mac era il top, mentre per inviare le email si andava in aula di informatica – quella dell’Istituto Galileo di Padova divenne famosa perchè da lì partirono delle minacce al giudice di mani pulite Antonio di Pietro.
Ben presto tuttavia maturai la convinzione che la carriera che mi stavo costruendo intorno non era esattamente quella che avevo immaginato per la mia vita: non riuscivo a soppportare l’isolamento del laboratorio che era stato fatto pregustare durante il periodo di tesi trascorso in parte al CERN di Ginevra. Così, quando mi di presentò l’opportunità di fare il programmatore php in Dada S.p.A., accettai con entusiasmo. Allora questa azienda era una delle più grandi internet company in italia e soprattutto era di moda, c’erano i creatori di Supereva.it e nella sede di Treviso c’era addirittura il creatore di freemail.it, il primo servizio di posta elettronica gratuita in Italia.
Poco dopo il crollo delle Twin Towers la società decise di accentrare la produzione sulla sede di Firenze, decisi di trovare un lavoro vicino casa e, dopo varie vicissitudini, nel 2004 mi ritrovai consigliere d’amministrazione della neonata web agency emmecubo. Nel 2011 accettai la proposta di diventare project manager di MM One Group, una delle più grandi web agency nel Veneto.
Ma le esperienze che mi hanno portato ad avere una mia visione del lavoro e del modo di affrontarlo, e di conseguenza le competenze maturate, hanno creato le condizioni per decidere, ad inizio 2012, di dedicarmi all’attività di consulenza freelance e di attribuirmi il titolo di web strategist.
Se vuoi sapere cosa fa un web strategist, vai alla sezione cosa faccio. Per sapere di più sul mio profilo e sulle mie esperienze professionali, visita la mia pagina su LinkedIn.