Comunicazione Archives - BrunoBarbieri.eu
1
archive,category,category-comunicazione,category-1,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

La vendita on line di vino è un settore dell'e-commerce su cui molta gente ha investito e lo sta facendo tuttora. Ci sono molti tipi diversi di approccio alla vendita, si passa dal modello Amazon all'e-commerce del prodotto di nicchia. Personalmente trovo molto interessante un approccio attento a livello di user personas: il modello a target è in crisi, perchè le persone hanno comportamenti sempre meno ingabbiabili in un nostro schema preciso. Per i light consumer il vino è un buon contorno, è attento al prodotto ma con ambizioni non elevatissime, e cerca un prodotto il cui prezzo non lo faccia...

Nel marketing, guardando all'evoluzione storica, sono diventati di moda diversi termini, coniati di volta in volta per inventare qualcosa di nuovo che potesse catturare l'attenzione del consumatore: e io ho vissuto in pieno i tempi in cui gli spot passavano a ritmo martellante nelle tv sempre accese, e la gente usciva di casa a comprare. Il marketing emozionale ha lasciato posto al marketing esperienziale, che pareva sussurrare ad un orecchio: "prova questo prodotto fantastico, ti farò sentire veramente importante ...

«Viviamo in un’epoca in cui alla bulimia dei mezzi corrisponde l’atrofia dei fini». Lapidaria ma incontestabile, questa asserzione del filosofo francese Paul Ricoeur delinea uno dei rischi maggiori della società contemporanea. Da un lato, infatti, mai come oggi abbiamo a disposizione un paniere sterminato di informazioni e di dati attraverso la comunicazione digitale. Mai come ora la scienza, accompagnata dalla tecnologia, ci offre una strumentazione efficace nella ricerca fisica, medica, industriale. Mai come in questo tempo la finanza stende una rete, spesso impalpabile, avvolgendo e talora strangolando il nostro globo. Mai come ai nostri giorni le distanze s’accorciano e persino...

In un recente articolo apparso sul New York Times, Farhad Manjoo scrive che “I toni su Internet sono quasi sempre sopra le righe, ma quest’anno lo sono stati più del solito: estremisti di ogni tipo riescono a spiccare nel rumore di fondo e ottenere più visibilità a scapito di chi ha toni più pacati e ragionevoli, rendendo di fatto Internet un posto inospitale”. La tesi, ripresa da Il Post, è che parte della sovreccitazione online sia dovuta ai tempi in cui viviamo e alle notizie che riceviamo, ormai quotidianamente, su attacchi terroristici, uccisioni di massa, sparatorie, razzismo, proteste e violenze di ogni...

Lo scenario contemporaneo entro cui si sta muovendo colui il quale fino a poco tempo fa veniva etichettato consumatore, è oggi per molti caratterizzato da una buona dose di incomprensibilità. All'interno dei mondi del marketing e della comunicazione, che hanno sempre viaggiato paralleli, c'è l'impressione che tutto sia stato già provato. Il consumatore è sempre meno prevedibile, è ormai diventato infedele e la comunicazione di marca è di nuovo costretta ad un cambio di paradigma che si basa sull'individuazione di nuove narrazioni che rispondano a veri criteri di autenticità per i diversi profili di pubblico. A partire dagli anni novanta, il...

“I social media danno diritto di parola a legioni di imbecilli che prima parlavano solo al bar dopo un bicchiere di vino, senza danneggiare la collettività. Venivano subito messi a tacere, mentre ora hanno lo stesso diritto di parola di un Premio Nobel. È l’invasione degli imbecilli”. (Fonte: Ansa) Questa la dichiarazione fatta ieri a Torino da Umberto Eco, che, come sappiamo, è laureato in Comunicazione e Cultura dei media. E non è una novità: più volte ha pesantemente criticato i social media per il ruolo che assumono nell'interpretare la contemporaneità. I social media, si sa, sono nelle mani di chi...

Appena ho appreso il tema del convegno che si sarebbe tenuto all'università di Venezia Ca' Foscari il 9 Ottobre 2015, ho pensato che avrei dovuto partecipare, per ascoltare quali risposte sarebbero state state date ad un tema così complesso. Organizzato da Unicom e Ca’ Foscari Alumni, con il supporto di Sintesi Comunicazione, l'evento ha avuto poi un acceleratore speciale - si perchè, come ha affermato, non ama particolarmente il termine moderatore -, lo storyteller Andrea Bettini, di cui ho recentemente letto l'interessante libro "Non siamo mica la Coca-Cola, ma abbiamo una bella storia da raccontare" (libro che consiglio di leggere, veramente). All'incontro sono intervenuti quattro testimonial...

Lo scorso venerdì (27 Febbraio 2015) ho avuto modo di assistere a un interessante incontro sulla Comunicazione Sociale, organizzato da Volontarinsieme, associazione che si occupa del coordinamento delle associazioni di volontariato della provincia di Treviso. L'obiettivo dell'incontro era sensibilizzare le organizzazioni del terzo settore sugli importanti risultati che possono derivare da un'efficace attività di comunicazione. Per me, che mi occupo prevalentemente di comunicazione "commerciale", è stata un'occasione molto interessante sia per riflettere sulle particolari caratteristiche della comunicazione sociale, sia sulle competenze specifiche di cui bisogna tener conto, rispetto agli altri tipi di comunicazione, nel momento in cui si partecipa a progetti di comunicazione per organizzazioni...

"Il sale della Terra" è un film-documentario che ha come protagonista il fotografo Sebastiao Salgado che racconta la storia della sua vita, trascorsa attraversando il mondo a "disegnare con la luce" con la sua canon. Sebastiao Salgado è nato nel 1944 ad Aimorés, un piccolo villaggio del Brasile: dopo esserci laureato in economia a Parigi decide di dedicarsi alla fotografia. Wim Wenders - non dimentichiamoci che è anche lui fotografo - ci regala un film impressionante, straordinario, che racconta le avventure di un uomo con una straordinaria capacità di capire l'umanità. Una delle prime immagini nel film è proprio uno...

Google è ad oggi - l'affermazione è forte ma la penso così - l'azienda che più di ogni altra ha contribuito a cambiare il mondo. Certo, lo sappiamo che Internet non salverà il mondo. Non lo salverà perchè internet è un luogo popolato da persone: saremo noi, in caso, a salvare il mondo. Però l'ha cambiato, trasformando il nostro modo di accedere alle informazioni e di prendere delle decisioni. E non sta rimanendo ferma a guardare quello che è successo. La sua fame di acquisti pare non avere fondo. Dopo i droni di Titan Aerospace, compra anche i satelliti di Skybox...