Vendere vino on line - BrunoBarbieri.eu
2032
post-template-default,single,single-post,postid-2032,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

Vendere vino on line

La vendita on line di vino è un settore dell’e-commerce su cui molta gente ha investito e lo sta facendo tuttora. Ci sono molti tipi diversi di approccio alla vendita, si passa dal modello Amazon all’e-commerce del prodotto di nicchia. Personalmente trovo molto interessante un approccio attento a livello di user personas: il modello a target è in crisi, perchè le persone hanno comportamenti sempre meno ingabbiabili in un nostro schema preciso.
Per i light consumer il vino è un buon contorno, è attento al prodotto ma con ambizioni non elevatissime, e cerca un prodotto il cui prezzo non lo faccia impensierire. Se una bottiglia costa fino a 20 euro, sarà certamente disposto a rischiare per una bottiglia che non ha ancora provato e molto probabilmente accetterà ciò che gli si propone, se il messaggio è autorevole. In più, in e-commerce come Onica.it è attentamente selezionato dal sommelier Alberto Scandiuzzi: solo piccole cantine del Veneto, Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia che producono vino con passione e dedizione, e lo propongono ad un prezzo ragionevole.
Oltre ai light consumer, esistono da una parte gli svogliati – per i quali un vino vale l’altro – e gli attivisti. Gli attivisti sono super esperti che sanno tutto sul vino. Le loro conoscenze sono praticamente smisurate, il vino è la loro passione principale e molto spesso vanno a conoscere personalmente i produttori. Gli attivisti non si accontentano di un vino qualunque. Ne è un esempio Cartizze Pdc, la prima azienda specializzata solo sulla produzione di Cartizze; segue la coltivazione biologica in vigneto, e la certificazione biologica sarà effettiva entro la vendemmia 2019. ll Valdobbiadene DOCG Superiore di Cartizze può essere prodotto solo in una selezione di 107 ettari dove la produzione d’uva è ridotta a 120 quintali per ettaro, dove il particolare microclima garantisce la migliore qualità dei grappoli, con una gradazione zuccherina più elevata raggiungendo picchi di 17 g/L nel mosto fiore appena pressato e dal quale si produce un vino con caratteristiche organolettiche uniche.

No Comments

Post A Comment