E-commerce Archives - BrunoBarbieri.eu
3
archive,category,category-e-commerce,category-3,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

Si sta avvicinando la fine dell'anno. Si, lo so, il 2016 è stato l'anno del web mobile ma anche - questo l'ho sentito proprio - l'anno dell'e-commerce. Mi sono arrivate davvero tante richieste da parte di persone che avevano deciso di realizzare un e-commerce, e mi chiedevano di arrivare subito alla fine della storia, cioè quali fossero i trucchi per vendere on-line. Tutti i dati a disposizione di dicono infatti che l'e-commerce è una realtà, non è il futuro, sia in Italia che all'estero. Non voglio qui iniziare a snocciolare dati, basta solo andare al report dello IAB Forum di quest'anno,...

Entrerà in vigore il 13 Giugno un decreto legislativo da poco approvato, che recepisce una direttiva europea del 26 Marzo, semplificando e armonizzando i diritti e le garanzie per chi compra on line. Le regole che entreranno in vigore si applicheranno solo alle operazioni di acquisto di importo superiore a 50 euro. Vediamo di cosa di tratta: ci saranno 14 giorni di tempo (ora il termine è 10 giorni) per restituire la merce esercitandio il diritto di recesso, a decorrere dal momento in cui si riceve il prodotto. Il termine sale a 1 anno e 14 giorni (dai 90 al massimo attuali)...

In Italia, la media del numero di acquirenti online che privilegia il sito del produttore per gli acquisti on-line è superiore alla media europea e nel mondo Secondo un indagine di Pwc su un campione di più di 1000 persone, l'85% degli acquirenti on-line afferma di acquistare direttamente dai siti dei produttori, contro il 78% della media nel mondo e sopra la media di altri paesi europei (78% Francia, 75% Olanda, 76% Germania e 62% Regno Unito). Perchè si acquista on-line? Per il 70% degli acquirenti per la possibilità di trovare un prezzo migliore, ma per il 51% il vero motivo è...

Solo tre pmi italiane su dieci vendono tramite ecommerce, ma quelle che lo fanno stanno sconfiggendo la crisi Lo afferma una ricerca Google-Doxa eseguita su 5 mila pmi italiane, presentata a Capri all'evento annuale di Between su telecomunicazioni e agenda digitale. Roberto Liscia - presidente di Netcomm, consorzio del commercio elettronico italiano, afferma che "le imprese italiane che hanno commercializzato i propri prodotti online oltre confine sono riuscite a compensare meglio la crisi o addirittura hanno ottenuto un incremento nel proprio fatturato. Al crescere del livello di maturità digitale, aumenta la percentuale di Pmi che intrattengono rapporti internazionali di vario tipo e...

A Febbraio 2013 +165% rispetto al 2012 gli acquisti da dispositivo mobile, che passano dal 4% ad oltre il 10%, secondo dati diffusi nel Netcomm E-Payment 2013 tenutosi a Milano lo scorso 27 Marzo 2013 Ben 13,8 milioni di individui, ovvero il 47,7% dell’utenza internet (35,8% al febbraio del 2012). Sono il 24% gli utenti che dichiarano di aver comprato più di 5 volte nel trimestre: complessivamente 47,6 milioni di acquisti negli ultimi tre mesi. Questi alcuni dei dati salienti diffusi in occasione del Netcomm e-Payment 2013, secondo uno studio di Human Highway sui comportamenti degli utenti, con un focus specifico...

Nel 2012 il mercato italiano ha visto una crescita del 18% del fatturato, che raggiunge oggi quota 9,5 miliardi di euro (Fonte: studio realizzato in collaborazione da Netcomm e Politecnico di Milano). Crescono le vendite sia di prodotti che di servizi, i primi (24%) a un ritmo superiore rispetto ai secondi (18%), nonostante i servizi pesino ancora per i due terzi: crescono tutti i settori merceologici, ma in particolare turismo e abbigliamento (+55% e +33% rispettivamente). “Oggi più che mai, in un contesto di crisi globale che investe anche il nostro Paese, l’ecommerce non è più un’opportunità, ma diventa un’esigenza inderogabile...