Via Costantini Ghedina, Tofana di Rozes - BrunoBarbieri.eu
2127
post-template-default,single,single-post,postid-2127,single-format-standard,bridge-core-2.6.0,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-24.5,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.5.0,vc_responsive

Via Costantini Ghedina, Tofana di Rozes

Era il 19 Agosto 2008. Quattro amici (io, Ado, Giò e Stefano) partirono con l’intenzione di percorrere il secondo pilastro della parete sud della Tofana di Rozes, per la via aperta da Costantini e Ghedina il 29 settembre 1946. Furono 17 lunghezze di corda belle e intense, che ci permisero di raggiungere la sommità a quota 2820 m. dopo circa sette ore e mezza trascorse parete.
Ricordo ancora come fosse oggi la felicità al termine della via: una bella giornata in compagnia di tre amici. Rientrando per il sentiero un po’ alla volta materializzavo l’idea di aver compiuto qualcosa di grande. Gli escursionisti ci guardavano come extraterrestri, qualcuno ci fermò chiedendoci una foto insieme. “Una foto con dei veri alpinisti, che emozione”, ci disse.

No Comments

Post A Comment