Impennata per gli acquisti Mobile in Italia - BrunoBarbieri.eu
334
post-template-default,single,single-post,postid-334,single-format-standard,bridge-core-2.6.0,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-24.5,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.5.0,vc_responsive

Impennata per gli acquisti Mobile in Italia

A Febbraio 2013 +165% rispetto al 2012 gli acquisti da dispositivo mobile, che passano dal 4% ad oltre il 10%, secondo dati diffusi nel Netcomm E-Payment 2013 tenutosi a Milano lo scorso 27 Marzo 2013

Ben 13,8 milioni di individui, ovvero il 47,7% dell’utenza internet (35,8% al febbraio del 2012). Sono il 24% gli utenti che dichiarano di aver comprato più di 5 volte nel trimestre: complessivamente 47,6 milioni di acquisti negli ultimi tre mesi. Questi alcuni dei dati salienti diffusi in occasione del Netcomm e-Payment 2013, secondo uno studio di Human Highway sui comportamenti degli utenti, con un focus specifico dedicato all’utilizzo per gli acquisti di device mobili e tradizionali.

“I pagamenti elettronici hanno sempre rappresentato un elemento chiave per lo sviluppo dell’E-commerce nel nostro Paese, soprattutto per via della minore abitudine dei consumatori italiani ad utilizzare per gli acquisti online la moneta elettronica in tutte le sue forme – dichiara Roberto Liscia, Presidente di Netcomm, Consorzio del Commercio elettronico italiano. Ma oggi stiamo assistendo a un forte processo di innovazione nel settore. Nuove forme di pagamento si sono affacciate su un mercato sempre più ampio, popolato ormai da 14 milioni di individui, che hanno effettuato acquisti nell’ultimo trimestre. Peraltro, assistiamo anche ad una forte evoluzione tecnologica nei device, al punto che smartphone e tablet sono diventati essi stessi strumenti di pagamento. E i consumatori stanno dimostrando fiducia in questo genere di dispositivi, anche per effettuare i propri acquisti, al punto che in un solo anno segnano un incremento del +165% delle transazioni E-commerce. Anche le recenti norme volte a limitare l’uso del contante, congiuntamente all’accettazione degli strumenti di pagamento digitali da parte delle amministrazioni e dei servizi pubblici, inducono a favorire sia la concorrenza fra gli operatori, sia la sicurezza e la trasparenza nelle transazioni a tutto vantaggio degli utenti.”

 

Metodi di pagamento più utilizzati

  • PayPal 36,6%
  • Carta prepagata 24,4%
  • Carta di credito 19,2%,
  • Bonifico bancario 3,7%

Lo studio è proseguito con l’analisi sulla tecnologia NFC (Near field communication), tecnologia che permette di effettuare i pagamenti di prossimità facendo passare il telefonino a pochi centimetri di distanza dalla strumentazione abilitata. Alla domanda se il proprio telefonino fosse abilitato o meno alla comunicazione via Nfc, più della metà dei rispondenti, circa il 50,4%, non possiede o non pensa di possedere un cellulare abilitato; il 12,8% non è sicuro ma crede di avere un telefono con comunicazione NFC e solo il 9,5% ha un cellulare abilitato a questo tipo di tecnologia. Il restante 27,3% non è a conoscenza di questa tecnologia.

I prodotti più acquistati

  • libri (14,8%)
  • abbigliamento, (13,9%)
  • computer o periferiche per PC (11,3%)
  • biglietti di viaggio (9,9%)

Quattro volte su cinque l’acquisto è premeditato e nel 65% si riferisce a un articolo già identificato in modo preciso dall’utente: inoltre il 9% di quanti non hanno ancora utilizzato Internet per eseguire acquisti, ha risposto di essere intenzionato a farlo nei prossimi tre mesi.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.