A Tim Berners Lee il premio della Regina - BrunoBarbieri.eu
279
post-template-default,single,single-post,postid-279,single-format-standard,bridge-core-2.6.0,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-24.5,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.5.0,vc_responsive

A Tim Berners Lee il premio della Regina

Quest’anno il prestigioso premio “Queen Elizabeth Prize for Engineering” verrà assegnato a Tim Berners Lee, che dividerà il premio di 1,2 milioni di euro insieme ai collaboratori con i quali ha inventato il World Wide Web: gli statunitensi Robert Kahn, Vinton Cerf e Marc Andreessen, e il francese Louis Pouzin.

“Utilizzzerò gran parte di questa somma – ha affermato Berners Lee, ospite di spicco agli Ict days 2013 di Trento – per nuovi progetti”.

A Trento ha calamitato l’attenzione tratteggiando la città del futuro: smart e soprattutto interconnessa, figlia della generazione degli open data. A disposizione delle aziende e delle amministrazioni pubbliche: «Comprare delle scarpe, per esempio, potrebbe essere semplicissimo: non dovremmo nemmeno ribadire il nostro numero». «Ciò di cui abbiamo bisogno – spiega – è la creatività di gruppo». Inter-creatività, per usare un suo neologismo. L’esito è ambizioso: generare una community capace di fondare un denominatore comune, avvicinare esperienze, pratiche, soluzioni. Il punto di svolta è la costruzione di una piattaforma partecipativa. O meglio: «Universalmente partecipata».

A colmare il digital divide ci sono i dispositivi mobile, capaci di ridurre del 75% la percentuale di chi non accede ad internet.

Assolutamente da vedere la video intervista in esclusiva che Berners Lee ha concesso al Corriere Innovazione.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.