Perchè camminare nella natura rende le persone più felici - BrunoBarbieri.eu
1693
post-template-default,single,single-post,postid-1693,single-format-standard,bridge-core-2.6.0,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-24.5,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.5.0,vc_responsive

Perchè camminare nella natura rende le persone più felici

Oggi possiamo disporre di studi scientifici che dimostrano come la semplice attività di camminare in mezzo alla natura renda le persone più felici. Davvero, per me non c’era bisogno di uno studio scientifico per essere d’accordo: perchè allora molte persone delegano al possesso degli oggetti la responsabilità della loro felicità?
“Le nostre esperienze sono una parte più grande di noi stessi rispetto ai nostri beni materiali, dice Gilovich che ha condotto l’esperimento. “Si può anche pensare che una parte della vostra identità è collegata alle cose materiali, ma comunque rimangono separate da voi. Al contrario, le vostre esperienze sono davvero parte di voi. Noi siamo la somma totale delle nostre esperienze”.
Le persone felici non spendono tutto il loro denaro e le loro energie nell’acquisto di oggetti, ma nel vivere delle esperienze appaganti. Eppure molte persone si dedicano agli acquisti, quando si sentono sole e sotto stress.
“Quando giungiamo nella Natura, la nostra salute migliora – spiega Michelfelder, professore di medicina di famiglia alla Loyola University Chicago Stritch School of Medicine, che ha condotto uno studio sullo stress – Gli ormoni dello stress aumentano nel nostro sangue lungo la giornata e prendendosi qualche momento mentre si cammina per riconnettersi con i nostri pensieri interiori e con il nostro corpo quei dannosi ormoni dello stress si abbassano. Camminando con la nostra famiglia o gli amici è anche un ottimo modo per abbassare la pressione sanguigna e renderci più felici”.

La ricerca dimostra che camminare a piedi nei boschi può anche svolgere un ruolo nella lotta contro il cancro. Gli scienziati hanno infatti scoperto che le piante emettono delle sostanze chimiche chiamate “phytoncides” (fitoncidi) che le proteggono dalla putrefazione e dagli insetti.
Ebbene, queste sostanze sono utili non solo alle piante ma anche agli essere umani, poiché quando le respiriamo si verifica un aumento nei livelli delle cellule “Natural Killer”, che sono parte della risposta immunitaria al cancro.

“Quando camminiamo in un bosco o in un parco – afferma il prof. Michelfelder – i nostri livelli di globuli bianchi aumento e si abbassa anche la frequenza cardiaca, la pressione sanguigna e il livello di cortisolo, l’ormone dello stress”.

No Comments

Post A Comment