Il senso della cordata - BrunoBarbieri.eu
1471
post-template-default,single,single-post,postid-1471,single-format-standard,bridge-core-2.6.0,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-24.5,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.5.0,vc_responsive

Il senso della cordata

«Il nuovo e l’ignoto non sono nelle cose: sono nello sguardo. Ogni alpinista sa che sulla cima sarà atteso dalla scoperta descritta in un racconto di Novalis: il protagonista, che, alla ricerca di un senso, ha lungamente esplorato la natura e i suoi bizzarri geroglifici, quando giunge finalmente a sollevare il fatidico velo che cela l’ultimo segreto, scopre l’immagine di se stesso» e, scoprendo se stesso, vede l’umanità intera in una prospettiva nuova “ritrovando” – ed è qui l’autentico senso della “cordata” – i compagni di tante avventure. E inoltre, se colui che si “ritrova” non è semplicemente un compagno ma una sorta di “fratello maggiore” «a cui – per usare le parole di Gaston Rébuffat – si guarda con amore e rispetto, che sorveglia il modo in cui ci si lega e che ha per noi premure quasi materne», la scoperta sarà ancora più straordinaria e sconvolgente perché, mai potremo dimenticarlo, «l’amicizia di una persona così ricca non si compera».

Franco Brevini, docente universitario di letteratura moderna e contemporanea

No Comments

Post A Comment